Mappa delle Marche di Ancona del 1620

marca-di-ancona-1620-di-giovanni-antonio-magini

Una antica mappa del 1620 delle Marche D’Ancona, ossia quella che poi è in parte diventata la provincia di Ancona. Si nota il confine con l’Umbria, in parte rispettato, e la presenza, già nel 1620, dei paesi di:

  • Pascelupo;
  • Coldipeccio;
  • Costacciaro;
  • Viacce (denominata Viaccio);
  • Isola Fossara;
  • Bastia.

E’ inoltre presente l’eremo dei Camaldolesi (noto anche con il nome di Eremo di S. Girolamo). In realtà, è stranamente presente anche una località chiamata San Girolamo, ad oggi non più presente.

Il paese di San Felice non è nella mappa, malgrado la chiesa, costruita nel 1333, assicura la presenza della località, se pur non nella mappa. Anche il paese di Perticano è assente e si può notare, come in molte mappe della zona dei secoli successivi, che il fiume Rio Freddo era chiamato Perticano F. (Perticano Fiume). La località Pantana, Piaggia Secca, Casalvento e Monte Bollo sono escluse dalla mappa.

La città di Costacciaro, alla pendice orientale di Monte Cucco è chiaramente mal disposta, così come l’uscita della sorgente di Scirca, ma è da ritenersi un errore accettabilissimo per i mezzi dell’epoca.

marca-di-ancona-1620-di-giovanni-antonio-magini-are-monte-cucco

  







Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.

*